Chi siamo

Nelle fredde sere d’inverno quando la terra riposava sotto un candido manto di neve, giovani e vecchi si radunavano accanto al focolare per la creazione di cavành, gaule, sciuére e tutto ciò che sarebbe servito nella successiva stagione agricola. Intrecciando lencistre si raccontavano vicende reali e leggende, tramandando così la cultura e l’identità delle genti di montagna. L’artigianato locale, diverso da paese a paese, è infatti l’espressione dell’adattamento dell’uomo alle condizioni ambientali e alle materie prime disponibili. 

Con lo spopolamento della montagna e l’abbandono delle pratiche tradizionali, anche quest’attività era ormai destinata a scomparire.

Sandro Brusa “Sandrino”

Nell’autunno 2005, la volontà di alcune persone di non lasciarsi il passato alle spalle, ma recuperarlo, reinventarlo e interpretarlo in chiave moderna, ha reso possibile l’organizzazione in via sperimentale di un primo corso di artigianato locale del legno.

Uno degli ultimi artigiani esiesi Alessandro Brusa, chiamato affettuosamente Sandrino, unendo all’abilità maturata in anni di esperienza, una genialità innata e una spassionata disponibilità a svelare alle nuove generazioni tutti i segreti del mestiere, ne è diventato il maestro.

Il successo del primo anno di corso si è ripetuto anche nei seguenti, che hanno coinvolto sempre più allievi ed appassionati, così che nell’autunno 2008 si è costituita l’associazione culturale la Lencistra con lo scopo di continuare il lavoro di valorizzazione di questa antica attività e del suo territorio.